IMG_20160912_102940
IMG_20160912_102648
IMG_20160912_103941
IMG_20160912_102821
IMG_20160728_134624
IMG_20160728_134659
IMG_20160728_134541
Spiaggia dei Conigli a Marzo 2017
IMG-20170303-WA0018
Isola dei conigli e limitrofi_edited
conigli- tabaccara_edited_edited
IMG_20150902_090824
IMG_20150902_090655
IMG-20170303-WA0009 (1)
IMG_20160912_102716

Isola dei Conigli

E' stata nominata una delle spiagge più belle del mondo e non facciamo fatica a capirne il motivo! La chiamano Spiaggia dei Conigli, perché prende il nome dall'isolotto dei Conigli proprio di fronte ad essa e fa parte della Riserva Naturale Orientata di Lampedusa. Questa fantastica spiaggia di sabbia bianca e dall'acqua cristallina è un vero incanto per gli occhi e nessuno torna da Lampedusa senza averla vista  almeno una volta. La sua particolarità è la conformazione della baia, molto ampia e con l'acqua cristallina, nella quale non è difficile scorgere numerosi pesciolini in trasparenza. Inoltre la spiaggia è viva, in continuo mutamento, tanto che dopo ogni inverno si scopre un pezzo di litorale in più o in meno, appare o scompare una parte di tombolo che collega l'isola dei Conigli..insomma ogni anno riserva qualche novità per cui valga la pena tornare a vederla :)

Per accedervi bisogna lasciare la macchina o il motorino in strada e scendere un 15 minuti a piedi lungo un comodo sentiero ciottolato che conduce alla spiaggia. Fate bene attenzione a non improvvisare percorsi alternativi al di fuori del sentiero prestabilito, altrimenti verrete richiamati dai responsabili di Legambiente, associazione ambientalista che si occupa direttamente della supervisione e della tutela del Parco! Troverete dei ragazzi in maglietta gialla anche all'ingresso della spiaggia, dai quali potrete prendere in prestito gli appositi posa cenere; vi suggerisco e vi prego di non buttare mozziconi o cartacce in spiaggia! Se siete fortunati troverete anche in fondo alla spiaggia dei piccoli recinti: la loro presenza vorrà dire che qualche tartaruga marina sarà passata a deporre le uova e se sarete ancora più fortunati potrete assistere al momento della schiusa, in cui decine di tartarughine raggiungeranno il mare. Ogni anno qualche tartaruga marina passa a nidificare su questa spiaggia, ecco perché viene tutelata così assiduamente e perché dalle 19.30 alle 8.00 di mattina l'accesso alla spiaggia è vietato! Se vorrete approfondire le vostre conoscenze in materia naturalistica, sul sentiero e nei pressi della spiaggia, troverete alcuni cartelli didattico-informativi sulla riserva naturale e sulla nidificazione delle tartarughe oppure potrete chiedere direttamente ai volontari di Legambiente.

Per quanto riguarda l'affollamento, ad agosto la spiaggia è davvero frequentatissima, tanto che il mio consiglio per trovare un posticino è di arrivarci molto presto ( entro le 9 della mattina ) oppure scendere dopo le 3 del pomeriggio quando alcune persone, ben abbrustolite, iniziano a risalire. 

La spiaggia è divisa in due parti, guardando dall'alto a destra c'è la zona riservata agli ombrelloni e a sinistra c'è tutta una parte in cui  il divieto di piantare ombrelloni e scavare è categorico e volto alla protezione dei nidi di tartarughe.

Portatevi scarpe da tennis per il sentiero e una bella crema solare perché, dato che la spiaggia e l'acqua così chiare riflettono molto i raggi solari, rischiate insolazioni e scottature; non dimenticate l'acqua e il cibo visto che giù in spiaggia non ci sono bar e infine vi sconsiglio di risalire sotto il sole di mezzogiorno, soprattutto se soffrite di pressione bassa!

Come Domenico Modugno, che dalla sua fantastica villa alle spalle della spiaggia si godeva questo azzurro a perdita d'occhio, vi innamorerete anche voi di questi colori e profumi..capendo perfettamente il senso del suo "Volare..nel blu dipinto di blu" ;)